Le Confraternite di Misericordia ebbero origine nell’anno 1244 per iniziativa di San Pietro Martire dell’Ordine dei Frati Predicatori, che fondò la Compagnia o Confraternita di S. Maria della Misericordia. Nelle Costituzioni della attuale Arciconfraternita della Misericordia di Firenze si legge fra l’altro: “Uomini di fede la istituirono ordinandosi in sodalizio per onorare Dio con opere di Misericordia verso il prossimo. Una moltitudine di aggregati coopera il Corpo principale dei Confratelli nelle opere di religione e carità. Ai fratelli della Misericordia è vietato ricevere qualsiasi cosa per il servizio che non sia un bicchier d’acqua”.

Il volontariato è la divisa morale dei confratelli in ogni loro prestazione di attività.

È fatto espresso divieto per i confratelli l’accettare qualsiasi forma di compenso.

Il confratello di Misericordia riceve dall’assistito la propria ideale retribuzione solo nella coscienza del dovere compiuto e lo ringrazia con l’espressione del tradizionale motto delle Misericordie “Che Iddio te ne renda merito”.

 

La Misericordia di Alanno nasce il 23.12.1991 con atto notaio Tragnone Rep. n. 17681-Racc. n. 3442, registrato a Chieti il 10 Gennaio 1992.

Scopo della Confraternita è l’esercizio del volontariato, per amore di Dio e del Prossimo, delle Opere di Misericordia, corporali e spirituali, del pronto soccorso e dell’intervento nelle pubbliche calamità, sia in sede locale che nazionale ed internazionale, anche in collaborazione con ogni pubblico potere nonché con le iniziative promosse dalla Confederazione Nazionale delle Misericordie D’Italia.

La Confraternita promuove ed esercita tutte quelle opere di umana e cristiana carità suggerite dalle circostanze e se ne rende partecipe impegnandosi così a contribuire all’analisi ed alla rimozione dei processi e delle cause di emarginazione e di abbandono dei sofferenti, attuando nei propri settori di intervento opera di promozione dei diritti primari della vita, alla salute, alla dignità umana, nell’ambito di un nuovo progetto di crescita civile della società a misura d’uomo.

Le opere caritative della Confraternita e degli iscritti sono gratuite.

La Confraternita potrà accettare dai beneficiari dei servizi un oblazione a copertura delle spese vive sostenute, esclusa qualsiasi forma di compenso per il sodalizio e per l’opera prestata dai Confratelli.

La Misericordia non è solo primo soccorso ma anche Servizi Sociali.

Attualmente la Misericordia di Alanno assolve questo impegno attraverso l’assistenza a soggetti emodializzati che viene espletata mediante il trasporto dei pazienti dal loro domicilio alla struttura sanitaria e viceversa. È un servizio che impegna numerosi Confratelli ma che si distingue in quanto, il quotidiano contatto con gli assistiti, privilegia il rapporto umano che costituisce l’essenza delle Confraternite di Misericordia. Si cerca di essere loro vicini attraverso il conforto, un gesto di incoraggiamento, di affetto, un aiuto concreto. Si attinge così, ad un duplice effetto: aiutare ad aiutarsi poiché il continuo contatto con la sofferenza induce ciascuno a riflettere sul significato e sul valore della vita; si è a loro grati poiché sono il richiamo quotidiano al sostegno al prossimo, all’umiltà,alla gratuità, all’amore vicendevole.